Scenari Immobiliari: la ripresa del mercato immobiliare italiano

feb 28, 2017 | Nessuna risposta

Il mercato immobiliare europeo corre e quello italiano cammina”. Questa la sintesi dell’Outlook 2017 di Scenari Immobiliari, presentato qualche giorno fa a Milano, con le previsioni sui mercati europei e italiano.

Nel corso del 2016, secondo Scenari Immobiliari, il fatturato immobiliare italiano è cresciuto del 2,7% (a quota 114 miliardi di euro) contro il 4,6% degli altri Paesi europei
Effetto Brexit: nel Regno Unito si è registrata una perdita: -14%

Il divario è destinato a restare anche nel corrente anno. In Italia il mercato dovrebbe crescere del 4% e dell’8,4% in Europa, sui livelli degli Stati Uniti. In ripresa anche il mercato inglese.

“Ormai la crisi è superata – ha dichiarato Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari – ma siamo in una fase di ‘ripresina’ del mercato nazionale. Disoccupazione che non cala e tassazione elevata rappresentano ostacoli a una vera ripresa. Nonostante una domanda potenziale stimata in 850mila case”.

Scenari Immobiliari comunque prevede almeno 550mila compravendite residenziali nel corso del 2017.

Rispetto a dieci anni fa tutti i mercati europei (con l’eccezione della Germania) si sono contratti, mediamente del 13%.

Nello stesso arco di tempo anche le quotazioni residenziali nella maggior parte delle città europee si sono ridotte. Roma è sui livelli di dieci anni fa, mentre Milano cresce del 3%.

Parigi ha perso il 15% e Madrid il 40%. Bene le città del nord Europa, dove è in corso un vero boom immobiliare.

Un segnale positivo viene dagli investimenti cosiddetti “corporate” , ovvero gli investitori istituzionali, che raggiungeranno la cifra record di 10 miliardi di euro, per il 60% da parte di stranieri.

“Anche se lo scenario internazionale è dominato da Brexit e dalle incertezze sulle elezioni in vari Paesi europei – ha commentato Paola Gianasso, vice presidente di Scenari Immobiliari – l’attenzione dei grandi investitori è orientata al settore immobiliare e l’Europa è una destinazione primaria.

L’Italia resta interessante perché ha quotazioni ancora ritenute basse e rendimenti interessanti, ma la domanda è focalizzata su Milano e Roma ed è frenata da carenza di prodotto idoneo in diversi segmenti di mercato”.

Author: Carlo Di Nunno

Sono nato e cresciuto nella zona Appio-Latino di Roma ed è proprio in questa zona che ho iniziato la mia nuova avventura professionale, una agenzia immobiliare tutta mia. Svolgo questa professione da molti anni, ho sempre amato confrontarmi con gli altri e di questo devo ringraziare la mia famiglia che ha un bar nella zona da circa 50 anni che mi ha fatto crescere nel commercio e a contatto col pubblico. Mio papà Sabino è un’ istituzione all’Appio-Latino. Dopo aver collaborato 10 anni con l’Aureli Group s.r.l. ho deciso di lanciarmi in proprio perché ritengo di aver acquisito conoscenze ed esperienze tali da poter percorrere la mia strada; ringrazio di cuore l’ Aureli che mi ha cresciuto e formato come uomo oltre che come agente immobiliare. Se cercate serietà, professionalità, chiarezza e una persona che oltre vendere o affittare l’immobile sia il Vostro consulente, per qualsiasi pratica inerente gli immobili contattatemi, sono il mediatore che fà per voi.